Commercio Equo e Solidale

Collezione incensi di Etiopia - Anbesa

INCENSO ETIOPIA


L’incenso è la resina solidificata proveniente dalle secrezioni delle piante della famiglia delle BURSERACEE, ripartite in 17 generi e a loro volta in circa 600 specie. commercializzate da Anbesa. In Etiopia ne crescono principalmente due generi, la Boswellia, (che dà origine all’incenso, detto olibanum, da lubàn, incenso in arabo) presente con sette specie, e la Commyphora, pianta diffusa in oltre 50 specie differenti, dalla quale proviene la famosa mirra. Possono avere una dimensione che varia dall’arbusto alla pianta di alto fusto. La produzione della resina avviene o per essudazione spontanea dalla pianta, o tramite un metodico processo d’incisioni sul tronco, dal quale comincia ad essudare una sorta di lattice.

Leggi piu

Dopo circa un mese la gommoresina è sufficientemente indurita da essere raccolta. Il tronco della Boswellia può essere inciso fino ad un massimo di 12 volte in un anno, con un intervallo di 15- 25 giorni, da settembre a giugno (prima che inizi la stagione delle piogge), e ogni pianta può produrre da uno a tre kg di resina. La raccolta dell’incenso risulta essere un lavoro molto importante per i contadini e i pastori dediti a questa attività, garantendo loro un reddito anche nel periodo della stagione secca, in cui è quasi impossibile praticare l’agricoltura. Inoltre la Boswellia e la Commiphora riescono a crescere anche in terreni aridi e rocciosi, con un suolo fertile di 20 cm appena di profondità, e le loro foglie costituiscono nella stagione secca una fondamentale fonte di nutrimento per capre, cammelli ed altri erbivori ed un refrigerio con la propria ombra per piante, uomini e animali.

Svolgono inoltre un ruolo fondamentale nella preservazione del suolo dalla desertificazione. Nel solo Tigray (regione a nord, confinante con l’Eritrea) i lavoratori stagionali impiegati annualmente nella raccolta dell’incenso sono 7000, tra i quali il 31% sono donne. Gli uomini sono tradizionalmente dediti all’incisione della pianta e alla raccolta; le donne, invece si occupano della selezione e della classificazione. In Etiopia l’incenso è chiamato comunemente “ettan”, ma assume nomi comuni differenti.


L’incenso e la mirra da sempre sono utilizzati sia a scopo religioso, che curativo, o come elemento nei riti quotidiani. In Etiopia, ad esempio, in ogni cerimonia del caffè che si rispetti, un rito che gli etiopi celebrano diverse volte al giorno (bevendone ogni volta tre tazze), viene fatto annusare il dolce profumo dell’incenso; preferito in questo caso risulta essere l’aroma rilassante del lubanja, ideale per ricreare un’atmosfera lieta ed accogliente per l’ospite. Nella medicina tradizionale etiopica, la resina della Boswellia e della Commyphora è utilizzata per diverse patologie, soprattutto come antisettico ed antibatterico, febbrifugo, espettorante e come cura per le linfonodopatie, e nelle regioni dei bassopiani, si mastica per alleviare la sete nei giorni più infuocati; la corteccia è masticata per lenire i disturbi allo stomaco. L’incenso è un ottimo rimedio naturale anche per allontanare insetti e zanzare.

Le nostre resine sono pure, non sono trattate in alcun modo, ed il profumo che emanano, una volta sciolte su una fonte di calore (come un carboncino per incenso o sopra un brucia oli essenziali, con la candelina), è la risultanza della gamma di elementi volatili aromatici (Terpeni), presenti con quantità e qualità diverse per ogni resina.


Sulla schiena degli alberi:

Le resine d' Etiopia, la via dell’incenso e della mirra, progetto Anbesa.
“ .. La resina è il prodotto di un dolore, una lacrima che cola dall'albero ferito. Quelle gocce giallo miele, non scappano, non scivolano via come l'acqua, non abbandonano l'albero. Rimangono incollate al tronco, per tenergli compagnia, aiutarlo a resistere, a crescere ancora. I ricordi sono gocce di resina che sgorgano dalle ferite della vita. Anche quelli belli diventano punture. Perché, col tempo, si fanno tristi, sono irrimediabilmente già stati, passati, perduti per sempre. Gocce di resina sono piccoli episodi, aneddoti minimi, spintoni che hanno contribuito a tenermi sul sentiero. Proprio perché indelebili sono rimasti attaccati al tronco. Come fili di resina emanano profumi, sapori, nostalgie”. -Da Gocce di Resina di Mauro Corona

Risultati 1 - 11 di 11
5,50 €
Prezzo standarizzato:
5,50 €
Prezzo standarizzato:
5,50 €
Prezzo standarizzato:
5,50 €
Prezzo standarizzato:
5,50 €
Prezzo standarizzato:
5,50 €
Prezzo standarizzato:
5,50 €
Prezzo standarizzato:
5,50 €
Prezzo standarizzato:
5,50 €
Prezzo standarizzato:
5,50 €
Prezzo standarizzato:

EE wSoc. Coop. il Filo' BDES
Sede legale: Cannaregio 3302
30121 Venezia  P.IVA 03736750278

assoBDM wSalizada Pio X- Ponte di Rialto, S.Marco
5164 Venezia - Tel: 041/5227545

Filo wLaboratorio Pelletteria Filò
Via Sandro Pertini 24/c
Martellago Venezia

Carrello vuoto

Il mio Account

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.